.
Annunci online

 
windrosehotel 
... E Bruto è un uomo d'onore
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Wind Rose Hotel (nuovo blog)
Riformisti - il blog dei blog riformisti
NYT Editorials/Op-Ed
WSJ Opinion Journal
LATimes Editorials/Op-Ed
WP Editorials & Opinions
Centro Walter Tobagi
Giuliano Amato
Ralph Waldo Emerson
Il Riformista
Il Foglio
Transcendentalists
Filosofia politica
Bioetica & Bioetiche
Richard Rorty's Homepage
Bollettino di filosofia politica
Policy Network
Aspen Institute Italia
Italianieuropei
Radio Radicale/Audio-video di attualità
Caffe' Europa
  cerca

Il nome del blog

... indica un posto dove si cerca un orientamento, ma il luogo dove lo si può trovare—l'orientamento—non è questo.  Ciascuno è (dovrebbe essere) la rosa dei venti di se stesso. 

 







The Liberty Bell

«Proclaim LIBERTY throughout all the Land unto all the Inhabitants thereof Lev. XXV, X
By Order of the Assembly of the Province of Pensylvania for the State House in Philada»
1752



"If I had a bell
I'd ring it in the morning
I'd ring it in the evening ... all over this land,
I'd ring out danger
I'd ring out a warning
I'd ring out love between all of my brothers and my sisters
All over this land.
...

It's a bell of freedom"

Lee Hays and Pete Seeger
["If I Had a Hammer"]








 

"Friends, Romans, countrymen, lend me your ears;
I come to bury Caesar, not to praise him.
The evil that men do lives after them;
The good is oft interred with their bones;
So let it be with Caesar. The noble Brutus
Hath told you Caesar was ambitious:
If it were so, it was a grievous fault,
And grievously hath Caesar answer'd it.
Here, under leave of Brutus and the rest--
For Brutus is an honourable man;
So are they all, all honourable men--
Come I to speak in Caesar's funeral.
He was my  friend, faithful and just to me:
But Brutus says he was ambitious;
And Brutus is an honourable man.
He hath brought many captives  home to Rome
Whose ransoms did the general coffers fill:
Did this in Caesar seem ambitious?
When that the poor have cried, Caesar hath wept:
Ambition should be made of sterner  stuff:
Yet Brutus says he was ambitious;
And Brutus is an honourable man.
You all did see that on the Lupercal
I thrice presented him a kingly crown,
Which he did thrice refuse: was this ambition?
Yet Brutus says he was ambitious;
And, sure, he is an honourable man.
I speak not to disprove what Brutus spoke,
But here I am to speak what I do know.
You all did love him once, not without cause:
What cause withholds you then, to mourn for him?
O judgment! thou art fled to brutish beasts,
And men have lost their reason. Bear with me;
My heart is in the coffin there with Caesar,
And I must pause till it come back to me. (...)"

W. Shakespeare        

Julius Caesar
Act 3, Scene 2













questo blog sostiene «Riformisti», il blog dei blog riformisti






 

 

 


 

Diario | Pagine politiche | Culture | Erasmiana | Il mare | Recensire (quel che capita) |
 
Diario
1visite.

5 settembre 2003

Chapeau, Signor Biagi!

Recensire Sette (2). La prima volta che mi sono occupato di Sette sul blog avevo dichiarato che Enzo Biagi—che come si sa tiene una rubrica sul news magazine del Corriere (“Diciamoci tutto”)—non lo leggo. Devo fare ammenda : ho fatto malissimo. Non a rivelare la mia colpa, ben inteso (perché ora so che di questo si tratta!), bensì per l’appunto a commetterla. 

Insomma, ho finalmente compreso il valore di questo giornalista. Starei per dire che di Biagi non ce ne vorrebbe uno solo, ma tanti. Ma non voglio esagerare, passando da un estremo all’altro. Va bene riconoscere i propri errori, ma anche in questi frangenti un minimo di understatement non guasta : anche gli elogi, come le critiche devono essere misurati!

E’ stata, dunque, la lettura dell’ ultimo numero di Sette ad aprirmi gli occhi. L’argomento di  “Diciamoci tutto” è, questa settimana, il degrado delle periferie urbane. Titolo : “Rozzano, Italia”, sottotitolo “Le periferie stanno diventando come il Bronx?”  Confesso che è stato  il sottotitolo (di  cui Biagi naturalmente non porta alcuna responsabilità), del tutto privo di originalità, a suggerirmi di leggere il resto. Per pura cattiveria. Mi sono detto che se il testo corrispondeva al sottotitolo avrei potuto farci su un commento pestifero. E invece …

E invece ho letto frasi che mi sono rimaste scolpite nella mente. I fatti a cui Biagi si riferisce sono quelli noti, tremendi, disarmanti nella loro efferatezza. Ma il Nostro ha saputo trarne spunto per un autentico sfoggio di sapiente ironia. E’ riuscito a far diventare lieve quella materia infame. Prima perla di saggezza :  “I cronisti parlano di una «resa dei conti». Ma chi erano i debitori della vita?” Non è stupefacente nella sua genialità? “E’ vero—prosegue Biagi imperterrito e consentendosi una dotta citazione—«La follia va in giro per il mondo come il sole»”. E qui arriva l’impareggiabile affondo : “Ma con la tendenza, a seguire le cronache dei nostri giorni, a non tramontare mai”. 

Ci sono rimasto di stucco. Ecco—mi son detto—una lezione di eleganza, una classe cristallina al servizio dell’informazione! Ha trasformato il dolore e lo sgomento in una brillante battuta, ha citato un grande del passato (chissà chi era poi?) e ha quindi chiosato da par suo!

Seconda perla di saggezza. Dopo aver ricordato, con la sua prodigiosa memoria da archivio vivente delle glorie del giornalismo nazionale, un felicissimo titolo di giornale (“Il sequestro di Natale”), la follia precedentemente richiamata, e il suo tragico corollario di cieca e disumana violenza, diventano, nella fervida immaginazione di Biagi, “un fatto da considerare prevedibile e scontato, come le uova di Pasqua. Adesso abbiamo anche la strage del post-Ferragosto(il corsivo è mio).  Straordinario, mi son detto stropicciandomi gli occhi!

Potrei andare avanti a lungo, dal momento che la rubrichetta di questa settimana è davvero una miniera di folgoranti intuizioni, ma credo di aver reso sufficientemente l’idea. Aggiungo solo un’altra chicca, per concludere in bellezza : “Li chiamano, sembra più elegante, «Killers», ma sono degli assassini”. Ebbene, credo che il chiarimento fornitoci da Biagi vada molto al di là dell’utilità in sé e per sé  della cosa—anche se non guasta mai cercare di farsi capire da tutti, e proprio da tutti, senza escludere neppure i bambini di prima elementare. Direi, e se sbaglio qualcuno mi corregga,  che il chiamare le cose col proprio nome, senza infingimenti e paludamenti, sia uno dei doveri primari di un’informazione che sia degna di questo nome. Anche a costo di precludersi l’uso di termini eleganti come, appunto, killers.

Che altro dire? Chapeau, Signor Biagi! Anzi, tanto di cappello!

 




permalink | inviato da il 5/9/2003 alle 18:29 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
sfoglia
agosto        ottobre